Serie D: prova di carattere e l'Arcobaleno alla fine lo vediamo noi!

Campionato regionale di Serie D - girone F - giornata 20 

Easyvolley festeggia la bella vittoria.

 

EASYVOLLEY DESIO – PROGETTO VOLLEY ARCOBALENO SU  3 : 1

(21-25; 25-21; 25-13; 27-25)

Boffi (P), Salvador (O), Formentoni (C), Castorri (C), Cottini (S), Biassoni (S), Brenna (L). Entrate: Di Bello (O) Korda (C) Faggianato (S) n.e. Colzani (P), Meli (L). All.: Manera.

Desio, 18 marzo 2017

Come per la scorsa settimana, anche questa sera Easyvolley è chiamata ad ottenere il punteggio pieno contro una squadra attualmente situata nella delicata zona retrocessione. Per questo motivo le ragazze di Venegono entreranno in campo determinate a strapparci dei punti, utilissimi ad uscire dalla zona salvezza.  Easyvolley attualmente galleggia in centro classifica, ma non per questo deve sentirsi paga o al riparo da insidie.. anzi!!

Il primo set parte bene per noi: il giusto atteggiamento e l’attenzione su ogni palla giocata ci porta avanti 6-2, salvo essere subito riprese sul 6-6 e superate con un muro delle avversarie che approfittano poi di un nostro vistoso calo in fase di ricezione. A nulla vale un cambio di formazione: il momento buono è ora di Arcobaleno che piazza un perentorio 7-1 e porta il punteggio sul 7-13. Manera ferma il gioco e cerca di riordinare le idee in campo ma le nostre appaiono la controfigura di loro stesse ed il brillante inizio è già storia. Il set prosegue con le avversarie in controllo con ottimi attacchi da posto 4 in parallela, dal centro ed astute palle piazzate. Siamo 12-20 ed il set volge al termine. Secondo time-out easy e reazione che obbliga il Coach avversario a due interruzioni. Dal 15-24 rimontiamo sino a 21-24 ma alla fine Venegono si aggiudica meritatamente il parziale.

Durante in cambio campo il Coach del Venegono sprona vivacemente le sue atlete a fare ancora meglio, ma a quanto pare l’incoraggiamento provoca un altro effetto ed Arcobaleno appare al rientro in tensione ed intimorito. Easyvolley cerca il riscatto confermando la stessa formazione di inizio gara: con il libero Brenna entrano in campo Boffi al palleggio, Formentoni e Castorri centrali, capitan Biassoni e Cottini in banda e Salvador opposto. Dopo un sostanziale equilibrio easy passa a condurre 6-4. La ricezione migliora e il punteggio ne è la prova: allunghiamo e ci portiamo sul 10-6. Arcobaleno però prende le giuste contromisure e si avvicina a una lunghezza inducendo Manera a chiamare un tempo. Il divario si riallarga grazie a tre punti consecutivi e il time-out ora lo chiede Venegono. Manteniamo tre lunghezze che si assottigliano pericolosamente sul 20-19 per poi (time out nostro) riprendere sostanza permettendoci di portare a casa il set.

La terza frazione è punto a punto fino a 5. La maggior qualità tecnica delle nostre comincia a trasparire e Venegono appare più disattenta commettendo errori nelle varie fasi di gioco. Easy vede l'Arcobaleno sbiadirsi e accelera portando a casa il parziale con la giusta determinazione.

Per descrivere meglio ciò che accadrà durante il rocambolesco quarto set risulta calzante un parallelismo con ... il meteo in alta montagna!  La prima parte del set è sul “poco nuvoloso”; le squadre viaggiano appaiate fino a punto 4. Poi le nubi si addensano quando le avversarie colgono con buoni attacchi 3 punti consecutivi. Sul 4-7 Manera chiede un tempo, poi effettua un cambio ma l’avvicendamento non provoca la sperata reazione. Comincia a piovere quando i punti di distacco diventano cinque.  Con easy a punti 6 e Arcobaleno  che ci doppia a 12 la pioggia cresce di intensità … e comincia a grandinare quando il tabellone sentenzia un preoccupante 10-17. In genere la squadra che nel quarto set agguanta il pareggio gode di un vantaggio psicologico ed approfitta dello stato delle avversarie per affondare il colpo nel decisivo set. Tempesta.

Sugli spalti ci si prepara al peggio, gli ombrelli sono già aperti su uno scenario non proprio idilliaco ma…  come avviene per l’appunto in alta montagna.. il meteo cambia improvvisamente. Ad easy ritorna di colpo il coraggio, la determinazione, il carattere. Un attacco a segno, poi una palla piazzata, un ace e smette di grandinare, un attacco dal centro, un muro, un paio di errori loro e si chiudono gli ombrelli. Il punteggio? Un fantastico, insperato 17 pari! La gara sale di livello e Venegono ritorna a giocare bene. Ottime difese e belle fasi in attacco. Il finale di set è punto su punto. Botta e risposta e nessuno vuole mollare! Sul finale la costanza fisica e mentale easy ha la meglio perché il Venegono dal 24 pari compie due errori consecutivi in battuta che ci regalano altrettanti match-point. Ora appare solo qualche nuvoletta, ma complimenti a loro per la grande determinazione che le fa impattare. Da menzionare il secondo pari con un loro poderoso attacco che viene murato e la palla sta per cadere in campo. Sugli spalti è già gaudium magnum … ma all’ultimo momento una avversaria salva di piede e nel prosieguo dell’azione Venegono impatta ancora!! Easy alla fine riesce a vincere, 27-25, ma che batticuore…!!

Diciamo che, alla fine, l’arcobaleno lo abbiamo visto noi, ma c’è voluta una grande prova di carattere di tutta la squadra!!

Cogliamo tre importantissimi punti perché le dirette inseguitrici hanno contemporaneamente accusato delle battute d’arresto ma, nel susseguirsi del campionato saranno loro ad incontrare squadre più abbordabili e noi a giocare con quelle che ci precedono in classifica.

Il prossimo sabato andremo infatti a Besnate ad incontrare l’attuale quinta forza in campionato. Consapevoli del fatto che, con la giusta determinazione, possiamo certamente vendere cara la pelle con gran parte delle squadre del girone!!

Forza ragazze e …. Easy GO!!!

foto di Luigi Rossetti, simpatizzante Easyvolley

 

Letto 493 volte